La Poesia del vino toscano

Tutto quest’anno ch’è, mi son frustato di tutti i vizi che solìa avere; non m’è rimasto se non quel di bere, del qual me n’abbi Iddio per escusato, ché la mattina, quando son levato, el corpo pien di sal mi par avere; adunque, di’: chi si porìa tenere di non bagnarsi la lingua e ‘l Leggi di piùLa Poesia del vino toscano[…]

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi